A I  P I E D I  D I  V E N E R E

 manuale astrologico di seduzione

V E N E R E  IN   G E M E L L I

VENERE IN  GEMELLI

Se le donne sono frivole è perchésono intelligenti a oltranza.

 

Alda Merini

 

Quando la sensualità di Venere si fonde con la brillante e irrequieta curiosità dei Gemelli, il risultato è una donna imprevedibile, mai scontata, dal fascino frizzante. Il regista Jaco Van Dormael l’ha ritratta magnificamente nel suo film Dio esiste e vive a Bruxelles : « Per essere uno schianto, non basta avere la pelle di porcellana ed i capelli scuri. Bisogna anche avere una risata argentina come perle che cadono su una scalinata di marmo ».

Venere in Gemelli seduce per la sua freschezza di eterna adolescente: curiosa, apparentemente spensierata, inafferrabile e per questo affascinante. Le passioni tormentate, gli uomini ombrosi e taciturni, le situazioni troppo complicate non fanno per lei, la stancano velocemente e quindi le evita a beneficio di un dialogo aperto, pungente e di un’intimità di tipo più intellettuale.  Il suo è un registro affettivo che si avvale prevalentemente della parola e del pensiero: stabilire un’intesa a livello cerebrale è prioritario rispetto all’intesa sessuale. Ammirata, corteggiata, sensibile ai complimenti, attenta alle mode e alle tendenze, quello di Venere in Gemelli è un fascino fatto di socievolezza, ironia, amabilità. Capace di guardare il mondo un po’ dall’alto, con ironico distacco, la sua è un’affettività intellettualizzata in cui si insinua un protagonismo brioso e un po’ esibizionistico. La seduzione è vissuta come un gioco, una schermaglia verbale e l’amore vero, per lei, nasce dall’affinità mentale, prima ancora che fisica. Ama flirtare, e non deve sentirsi soffocata né imbrigliata in rapporti che non le permettano di rimanere sotto i riflettori, al centro della scena. Guai a farla annoiare o, peggio ancora, metterla in imbarazzo negli ambienti mondani che predilige o con le persone che frequenta. Agli occhi altrui, il suo è un temperamento emotivo che può apparire superficiale o eccessivamente frivolo e per questo viene considerata una delle Veneri più infedeli dello zodiaco. In realtà, l’incontro con un partner altrettanto vivace e ironico, capace di mettersi sulla stessa lunghezza d’onda e di rispettare il suo bisogno di autonomia all’interno della relazione, non avrà bisogno di cercare altrove. In realtà non è mai così sicura di sé, come si potrebbe credere. Motivo per cui cerca un partner protet-tivo e rassicurante. Quando Venere in Gemelli è innamorata i suoi pregi sono: ottimismo, dinamismo, spontaneità. Quando la sua vita sentimentale è insoddisfacente, può cadere vittima di depressione.

Nelle relazioni sentimentali, Venere in Gemelli è naturalmente affine con i segni di Aria (Gemelli, Bilancia e Aquario) e di Fuoco (Ariete, Leone e Sagittario). Ma, a seconda del segno zodiacale di appartenenza, è possibile dare indicazioni più precise.

Se sei Ariete con Venere in Gemelli

​E’ difficile stare dietro a una donna come te: passionale, libera, scanzonata, ami sedurre ed essere sedotta senza troppe complicazioni, senza troppe attese. Con te non ci si annoia mai, anche se l’amore per il flirt, l’inclinazione ai colpi di fulmine e un eccesso di incostanza possono provocare numerose delusioni sentimentali. Questo però non sembra intaccare la tua passione per relazioni pericolosamente incerte che sovente sfociano in scenate memorabili. Per fortuna hai un’incredibile capacità di ripresa che, in tempi rapidi, ti vede pronta a ripartire per una nuova avventura e a sostituire il precedente compagno con un partner nuovo di zecca, altrettanto brillante e pronto di spirito. Il tuo asso nella manica è la capacità di rimanere sempre giovane, fisicamente e intellettualmente..

 

INCONTRO FATALE CON: Sole in Gemelli con Marte in Gemelli, Leone o Bilancia.

 

COME TE: Luisella Berrino (conduttrice radiofonica), Carolina Crescentini (attrice), Miranda Kerr (top model), Patty Pravo (cantante).

 

Se sei Toro con Venere in Gemelli

​L’amore per la vita sociale, tanto cara a Venere in Gemelli per i suoi ritmi veloci e la consistenza frizzante, deve trovare un compromesso con la stabilità gaudente propria del Sole in Toro, che non ti farebbe fare un passo in più di quelli necessari per spostarti dalla attrezzatissima cucina all’accogliente camera da letto. Brillante e affidabile, il compromesso tra energie così distanti spesso si realizza all’interno dell’ ambiente di lavoro che rappresenta il palcoscenico per-fetto dove esprimere il tuo fascino e la tua verve, che ti rendono indimenticabile anche grazie al timbro, inconfondibile della tua voce.

 

INCONTRO FATALE CON: Sole in Vergine con Marte in Gemelli, Cancro, Vergine o Sagittario.

 

COME TE: Adele (cantante), Marella Caracciolo (nobildonna), Laetitia Casta, Isabella Ragonese, Uma Thurman, Paola Barale (attrici), Cher (cantante).

 

Se sei Gemelli con Venere in Gemelli

Eterna adolescente, deliziosamente frivola, sei una donna brillante, attratta da tutto ciò che è nuovo. Vivace e curiosa, ti nutri dell’attenzione altrui che sai sollecitare con intelligenza e ironia. La tristezza è bandita dalle tue storie d’amore, così come le tragedie sentimentali o le passioni troppo vincolanti. Capace di se-durre con una risata, con un commento piacevolmente pungente, è impossibile contenere o anche solo rallentare il ritmo che dai alla tua vita. Cinema, teatro, viaggi, libri…, c’è sempre un’occasione nuova, imperdibile, a cui presenziare e magari dove esibire un partner “consono” alla situazione: chi ti vuole deve imparare a correre alla tua velocità. Finche non incontri un uomo che ti supera in vivacità, intelligenza e ironia…

 

INCONTRO FATALE CON: Sole in Leone con Marte in Gemelli, Aquario o Scorpione.

 

COME TE: Chiara Appendino (politico donna), Laura Bozzi (giornalista), Naomi Campbell e Heidi Klum (top model), Wallis Simpson (Duchessa di Windsor).

 

Se sei Cancro con Venere in Gemelli

Femminile, lunatica il giusto, curiosa, con una spiccata sensibilità creativa, nell’attesa di trovare il grande amore ti circondi di amici, fai e disfi, coltivi hobby, organizzi vacanze, possibilmente al mare e accantoni temporaneamente la pigrizia. La vivacità cerebrale dei Gemelli ti permette di sedurre con un umorismo allegro, garbato e con sorrisi irresistibili. Sensibile alle attenzioni e ai complimenti espliciti, ti innamori di uno sguardo intrigante e ti disinnamori per colpa di un congiuntivo traballante. Tutto nell’arco di una sera…Le attrazioni brevi e improvvise nascondono però il bisogno di un rapporto duraturo e rassicurante, che poggi su una profonda affinità intellettuale.

INCONTRO FATALE CON: Sole in Leone con Marte in Scorpione, Capricorno o Pesci.

 

COME TE: Laura Chiatti, Sabrina Ferilli, Lucrezia Lante della Rovere, Sofia Vergara (attrici), Frida Kahlo (artista).

 

Se sei Leone con Venere in Gemelli

​Sei una donna che non si accontenta. Splendida, brillante, intelligente, sei as-solutamente consapevole delle tue qualità e non ti “sprechi” con uomini qualunque: lui deve essere almeno alla tua “altezza”, in fatto di classe, intelligenza, verve e posizione sociale. Sempre all’ultima moda, amante del lusso ma anche dell’arte, cerchi un uomo che condivida la tua propensione alla vita mondana, ai viaggi, alle occasioni di incontro con persone sulla vostra stessa lunghezza d’onda. Detesti i drammi e le recriminazioni amorose: tutto ciò che ha un risvolto volgare o poco dignitoso non fa per te.

 

INCONTRO FATALE CON: Sole in Bilancia con Marte in Leone, Vergine o Sagittario.

 

COME TE: Sandra Bullock (attrice), Jackie Kennedy (first lady), Jennifer Lopez (cantante), Federica Pellegrini (nuotatrice), Sara Jane Ranieri (conduttrice radiofonica), Monica Setta (giornalista).

Gossip Girl

 

 

Non poteva credere che tutto questo stesse capitando proprio a lei. Nel giro di poche settimane la sua vita era stata completamente stravolta. Era bastato un articolo sul personaggio del momento, un articolo velenoso, di quelli che tutti si aspettavano da lei. Erano la sua specialità, il “marchio di fabbrica” che le dava da vivere e che la stava rendendo discretamente famosa sul web. La sua ironia al vetriolo non risparmiava nessuno - politici, calciatori, atto-ri, imprenditori - ma nessuna delle sue vittime aveva mai alzato il telefono per replicare o difendersi, figuriamoci per complimentarsi! La telefonata era giunta inaspettata, poco dopo le otto del mattino (per lei, l’alba), e sorprendentemente, non arrivava da un ufficio stampa, né da un anonimo assistente né, fortunatamente, da uno studio legale.

 

 

Subito aveva pensato a uno scherzo di qualche collega blogger invidiosa, tanto che, all’inaspettato invito a colazione, si era presentata in leggings e scarpe da ginnastica. Era rimasta sbalordita nel vederlo entrare nel bar sotto casa, perfetto in ogni dettaglio e scortato con discrezione da due guardie del corpo. Si era limitato a congratularsi per il suo pungente spirito d’osservazione. Il tem-po di un caffè, di una stretta di mani ed era sparito dentro a un suv dai vetri oscurati.

Si guardò riflessa nella vetrina del bar: grazie al cielo, non c’erano fotografi in agguato. Non si era ancora ripresa dalla sorpresa quando, appena due giorni più tardi, ricevette l’invito per la premiazione del torneo di golf. Era l’evento più esclusivo della stagione, non avrebbe mai sperato di riuscire a imbucarsi, e, cosa più importante, avrebbe avuto materiale su cui scrivere almeno per i tre mesi successivi. Durante tutta la giornata non riuscì ad avvicinare il suo famoso ospite, ma alla cena di gala si trovò seduta al suo fianco. Rise molto, parlò molto e sicuramente bevve più del dovuto. La mattina dopo, usciti gli articoli e le foto dell’evento, fu costretta a staccare il telefono che non smetteva di suonare.

Nei dieci giorni successivi, sempre in sua compagnia, presenziò a due inaugurazioni, un’anteprima cinematografica e un evento di beneficenza. In tutte le occasioni, l’uomo si era dimostrato piacevole e divertente, molto più di quanto avesse immaginato, ben lontano dal personaggio spocchioso che aveva descritto nel suo blog. Cominciò a chiedersi se il suo comportamento premuroso e garbato ma decisamente formale, fosse dovuto ai riflettori sempre puntati addosso, o (disgrazia!) alla totale mancanza di attrazione nei suoi confronti.Una settimana di silenzio assoluto la fece propendere per la seconda ipotesi, gettandola nello sconforto. Per questo, quando la chiamò per invitarla a cena, accettò senza chiedere dettagli: questa volta - si disse - si sarebbe preparata per lui, non per l’occasione, qualunque fosse stata.

 

Impiegò tutto il pomeriggio, decidendo per un vestito bianco a manica corta di seta grezza e uno strepitoso paio di sandali di vernice rosso lacca. Sapeva bene l’effetto che avrebbe sortito camminando su quei trampoli: per una volta sarebbe stata lei a sorprenderlo. Non si stupì quando arrivò a prenderla un’auto diversa dal solito, né del fatto che ci fosse solo l’autista, che per altro conosceva. Cominciò a preoccuparsi quando uscirono dalla città e imboccarono l’au-tostrada, direzione mare. Arrivarono a destinazione che il sole tramontava. Quando la portiera dell’auto si spalancò si trovò davanti il nulla. O meglio, dune di sabbia e laggiù il mare. In mezzo, un sentiero di lumini appoggiati sulla sabbia.

La figura dell’uomo si stagliava nella luce liquida del tramonto. Indossava un paio di jeans e una camicia bianca e sembrava più giovane e più affascinante che mai. Vedendola, alzò la mano, che reggeva due calici, facendole segno di raggiungerlo. Poi alzò l’altra, che impugnava una bottiglia, come per convincerla.

Sospirò, abbassando lo sguardo sui suoi sandali strepitosi.

Con un gesto veloce, li sfilò e si incamminò lungo il sentiero, facendoli dondolare maliziosamente dal cinturino, come aveva visto fare a Marilyn Monroe in un vecchio film in bianco e nero.

E mentre si avvicinava pensò che un uomo così sarebbe stato capace di sorprenderla per tutta la vita.